karma, piani vitali e reincarnazioni

Sin da quando ero bambina mi sono chiesta cosa vivessimo a fare e cosa potesse esserci dopo la morte... se c'è un punto comune a tutti gli esseri umani, è che ogni essere umano ricerca il significato della propria esistenza, prima o poi, ponendosi domande all'altezza del proprio scoglio evolutivo; personalmente, ho ricevuto una chiara risposta quando ho iniziato ad attivare il mio Corpo di luce, a conoscere lo spazio interdimensionale grazie all'ipnosi e ai viaggi astrali, e quando ho "riconosciuto" la mia Fiamma Gemella, ossia quando sono entrata in risonanza con essa e di conseguenza con il nostro Sè Superiore, dal quale riesco ad avere preziose informazioni circa la sfera evolutiva passata e la condizione attuale (ma non su quella futura).

La vita è una palestra, una sfida per lo Spirito che decide di sperimentare, attraverso il Corpo fisico e l'Anima, quello che non è. Cosa significa questo? Che viviamo nell'illusione di essere quello che in realtà non siamo: entità separate le une dalle altre... Avete mai avuto l'impressione che vivere equivalesse a recitare un ruolo o più ruoli diversi? Non vi siete mai sentiti limitati nel vostro corpo, nelle vostre capacità? Sulla base di cosa possiamo definire chi siamo, il nostro Io, ed escludere ciò che allora non siamo?
Per comprendere meglio questo argomento, è ottimale il testo "Conversazioni con Dio" di Neal Donald Walsch, nel capitolo in cui si parla dell'ego... riporto testuali parole:

"L'ego è ciò che credi di essere, non ha nulla a che fare con Chi Sei Realmente. L'ego è necessario per sperimentare la sensazione di essere un'entità separata in un mondo relativo. Voi siete entrati nel mondo relativo (quello che lo definisco il Regno del Relativo) per sperimentare ciò che non potreste provare nel Regno dell'Assoluto. Cercate di sperimentare Chi Siete Realmente. Nell'Assoluto potete saperlo, ma non sperimentarlo. E il desiderio della vostra anima è quello di conoscersi attraverso l'esperienza. Il motivo per cui nel Regno dell'Assoluto non potete sperimentare nessun aspetto di Chi Siete Realmente è che in quella dimensione non c'è nulla che voi non siate." 
Questo significa che nella dimensione più elevata, nella nostra vera"casa", noi siamo frammenti di Dio, Corpo Unico di Amore...energia perfetta.
 
"L'Assoluto è l'assoluto. Il Tutto di Ogni Cosa. L'Alfa e Omega, senza nulla nel mezzo. Non ci sono gradi dì "assolutezza". I gradi di qualunque cosa possono esistere soltanto a livello relativo.

Il Regno del Relativo è stato creato allo scopo di permettervi di conoscere Voi Stessi come esseri magnifici, tramite l'esperienza. Nel Regno dell'Assoluto non c'è altro che la magnificenza, quindi la magnificenza "non è".

Ovvero, non può essere sperimentata, non può essee conosciuta tramite l'esperienza, perché non è possibile sperimentare la magnificenza in assenza di ciò che non è magnifico. In verità, siete Uno con tutte le cose. questa è la vostra magnificenza! Eppure, mentre siete in questo stato di unità con il tutto, non potete conoscerla, perché non esiste nient'altro, e quindi essere Uno con tutte le cose non significa nulla. Nella vostra esperienza, siete semplicemente "voi" e non sperimentate in e alcun modo la magnificenza di tutto ciò.

L'unico modo che avete per sperimentare la magnificenza di questa unità è quello di creare una condizione in cui non essere Uno con tutte le cose sia possibile. Ma poiché nel Regno dell'Assoluto, che rappresenta la realtà ultima, tutto è Uno, creare qualcosa che non sia parte di tale unità è impossibile.

Non è impossibile, tuttavia, creare l'illusione di non essere Uno con tutto.
È stato questo il motivo per cui è stato creato il Regno del Relativo. E come il paese delle meraviglie di Alice, in cui le cose non sono ciò che sembrano.

Il vostro ego è lo strumento principale che avete a disposizione per creare tale illusione. Vi permette di immaginarvi separati da Tutto il Resto di Voi. È la parte di voi che vi vede come individui."
Agli occhi della nostra mente vigile, noi possiamo immaginarci uniti a tutto il resto, con un grande sforzo di fantasia, mentre la condizione ritenuta "normale" è proprio quella della separazione... è proprio il caso di dire che il peso di questa illusione ci investe e ci accieca totalmente.

"Voi non siete individui, eppure dovete individualizzarvi, per comprendere e apprezzare l'esperienza del tutto.
 Il vostro scopo è quello di usare l'illusione della separazione per comprendere e apprezzare meglio l'esperienza dell'Unione, che rappresenta Chi Siete Realmente.

Quando l'amor proprio diventa così forte che riuscite a vedere soltanto il vostro Sé separato, perdete ogni possibilità di sperimentare il Sé unificato e siete perduti. Vi siete letteralmente smarriti nel mondo dell'illusione e vi tocca restarci per molte vite, finché riuscirete a liberarvene, o finché qualcun altro, un'altra anima, non vi aiuterà a uscirne. Questo significa l'espressione "restituire le persone a se stesse". Questo è ciò che le Chiese cristiane intendevano con il concetto di "salvatore". L'unico loro errore è stato quello di proporsi quale unico strumento di "salvazione", rafforzando così l'illusione della separazione, proprio quella separazione da cui in teoria cercano di salvarvi. Insomma, capire se è o meno una buona cosa avere amor proprio è una questione complessa: tutto dipende da ciò che state cercando di fare.

Se usate l'ego come uno strumento attraverso il quale sperimentare la Realtà Unica, è un bene. Se è l'ego a usare voi per impedirvi di sperimentare tale realtà, non è un bene.

Comunque potrete sempre scegliere liberamente, rispetto a ciò che siete venuti a fare qui. Se trovate piacevole non sperimentare voi stessi come parte dell'Uno, avete la scelta di non fare quell'esperienza proprio adesso. Solo quando ne avrete avuto abbastanza della separazione, dell'illusione, della solitudine e del dolore, cercherete la via per tornare a casa. E scoprirete che lo sono lì, che sono sempre stato lì."

Per approfondimenti, visitate la pagina "karma, piani vitali e reincarnazioni: seconda parte".

 

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: