Perdono NEW

La vita ci riserva delle utilissime circostanze nelle quali imparare la virtù del Perdono. Perchè è importante perdonare e non vendicarsi, se di fronte torti più o meno gravi viene istintiva la seconda opzione?Ma ancor prima di questa domanda, sorge la seguente: perchè gli altri ci fanno del male?
Ricordo a riguardo cosa disse Gesù, un grande Maestro di vita, dopo essere stato torturato dagli umani che Egli è venuto ad amare e liberare: "Padre, perdona loro perchè non sanno quello che fanno".
Anche quando una persona può sembrare pienamente lucida e cosciente mentre opera del male, anche se razionalmente lo è mentre "accoltella" qualcuno, la sua Anima in realtà non lo è: non è abbastanza evoluta per avere una visione completa ed elevata dell'azione che sta compiendo. Se lo fosse, non lo farebbe. Credete fermamente a questa Verità. Chi è consapevole, non opera del male, MAI, perchè CONOSCE le conseguenze del proprio male. Non si tratta di sapere solo che è sbagliato fare del male: si tratta di aver incorporato questo insegnamento nella propria Anima. Molte persone tradiscono/uccidono/insultano/raggirano/operano violenza sapendo che concettualmente è sbagliato, ma non hanno ancora fatto proprio questo insegnamento. Sono anime deboli e lontane dalla luce dell'Amore, vittime del buio dell'egoismo, dell'odio, della paura. Nessuno ha bisogno di ferire qualcuno, se non è già ferito di suo e se vive in uno stato di vera felicità, nella pace interiore. Spesso chi non è nella pace interiore cerca di sottrarla agli altri, mosso da un sentimento di rivalsa/vendetta/invidia. Perchè quel sentimento conosce.

Quando qualcuno sta operando del male, in quell'istante, il suo Sè Superiore lo osserva "mordendosi le mani". Egli sta in realtà peggiorando il suo iter evolutivo, in quanto dovrà risperimentare quella forma di sofferenza che ha causato all'altra persona. Sarà sempre un'anima tormentata.
Non è allora un'anima che va compatita?

Perdonate dunque chi vi ha fatto del male, perchè non era veramente consapevole di quello che vi faceva, e il male che vi ha procurato originava da un suo male.

L'importanza del Perdono è legata a molteplici fatti:
1) se proviamo rabbia, significa che ci siamo allontanati dallo stato di Amore assoluto che tutto accetta e tutto comprende. Dobbiamo recuperare quello stato, o vivremo tormentati anche noi. Come vi sentite quando siete arrabbiati? Non vi si ritorce forse contro? A me per esempio si chiude lo stomaco, smetto di mangiare, ho le palpitazioni, e vedo tutto nero.

2) dovremmo ringraziare paradossalmente chi ci fa del male: come possiamo apprendere la capacità di perdonare se il comportamento di ognuno nei nostri riguardi è impeccabile? Come poteva Cristo sperimentarlo, se non lo avessero messo in croce?E' facile amare chi ci ama: difficile è amare chi ci ferisce. Ricordiamo che le situazioni di sofferenza acuta sono le migliori occasioni per evolvere la nostra Anima.

3) se cadiamo nel circuito della vendetta, alimentiamo una catena di odio che può durare all'infinito. La vendetta non elimina il torto subito,ma infligge del male allo stesso modo in cui l'abbiamo ricevuto. Mettiamoci in testa che ripagare l'ignoranza altrui con dell'odio, non è una soluzione! Se noi abbiamo la forza e siamo a un livello superiore, possiamo capire l'azione malvagia dell'altro e tanto vale perdonarla. Non abbassatevi a un livello più basso del vostro, anche se i vostri istinti inferiori hanno sete di vendetta immediata. Rischiate di crearvi debiti karmici con quell'anima... liberatela per liberare anche voi stessi. Ricordate che avrà la lezione che si merita, il conto prima o poi arriva per tutti, anche se voi sarete ignari del come e del quando.

Se siete stati feriti e provate un intenso sentimento di rabbia verso qualcuno, questo è il mio consiglio:
 - prendete un foglio di carta completamente bianco e scrivete una lettera indirizzata alla persona in questione. Iniziate con il suo nome (per esempio "Daniele,") e proseguite sulla seconda riga scrivendo tutto quello che vi viene in mente, senza trattenervi: insulti, accuse, "urlategli" senza alcuna pietà. Se volete accompagnare la scrittura alla parola, fatelo pure! Se volete piangere di rabbia, fatelo pure! Ogni parola di disprezzo che mettete su carta, è un pezzettino di rabbia che state tirando fuori dalla vostra Anima. Ogni lacrima che può voler scorrere dai vostri occhi, è un pezzettino di rabbia che vi togliete. Perchè non avete bisogno di tenerla dentro di voi. Voi siete esseri di Pace, non volete essere contaminati dalla rabbia e dall'odio.

- quando avete finito di scrivere, prendete la lettera e BRUCIATELA. Mentre la bruciate, state bruciando la vostra rabbia; dite chiaramente "Io SCELGO di LIBERARMI completamente da questo sentimento di rabbia". In questo momento, voi state scegliendo su quale versante stare. Odio o amore, rabbia o pace. State scegliendo la pace. La persona che vi ha fatto del male, non era in grado di scegliere, era più debole di voi.

Dopodichè mettetevi davanti allo specchio e ripetete questa frase, che mi sembra essere ottimale: "Io ti perdono, non approvo il tuo comportamento ma so che hai fatto quanto eri in grado di fare con i mezzi che hai e le conoscenze che hai. Scelgo di abbandonare il rancore nei tuoi confronti e libero te e me. Amen". Ripetilo finchè non sei convinto fermamente, col cuore, dell'importanza e del valore di quello che hai fatto: hai vinto una sfida.

Dopodichè, mettiti disteso sul letto e rimani in silenzio. Ascolta il tuo respiro, chiudi gli occhi... Visualizza un'onda blu d'Amore che parte al centro del tuo cuore, e si espande dentro te ad ogni respiro. Quest'onda lava via ogni piccolo residuo di rabbia e ti fa sentire profondamente in pace, in connessione con l'Energia Cosmica, con la tua Casa. Pensa intensamente all'Amore, a una situazione in cui ti sei sentito amato o hai amato e rimani in questo pensiero il più possibile, finchè non ti sentirai rigenerato.

Un abbraccio a tutti, in particolare alla mia F.G. i cui occhi sono per me riflessi di Amore puro, della nostra essenza che sempre ci vede uniti.


A.
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: